Pagine

sabato 8 febbraio 2014

Movie #13: Bara no sôretsu / Funeral Parade of Roses


Ho deciso di vedere questo film dopo aver letto Stop Winter Cold. Il film non è protagonista del post, lo so, però ho pensato che dovevo partire da Funeral Parade of Roses per poter capire For My Crushed Right Eye,  entrambi di Toshio Matsumoto. Film sicuramente di nicchia ( quanto sono hipster), ma da vedere, da vedere assolutamente. Tra una tragedia e un documentario sulla vita segreta delle drag queens dell'underground giapponese negli anni '60, Funeral Parade of Roses ruota intorno alla vita del giovane ed affascinante Eddie. Eddie è un transessuale che vive una vita parecchio travagliata: abbandonato dal padre, viene cresciuto da una madre che, puntualmente, lo umilia. Eddie possiede un fascino di fronte al quale non si può rimanere indifferenti: lo sa bene Leda, che perderà l'uomo che ama proprio a causa del giovane. Rifacimento delirante dell' Edipo Re di Sofocle, Funeral Parade of Roses è un'esperimento ben riuscito che ha come reagenti un pizzico di surrealismo, aggiunto a tragedia e commedia in parti uguali.Il finale è decisamente sconvolgente ed abbiamo un chiaro riferimento a una delle scene più famose filmate dalla camera del maestro del cinema surrealista, il grande Buñuel. Onestamente, io ci ho trovato anche dei chiari riferimenti al pensiero di Pirandello (che Toshio Matsumoto conoscesse il premio Nobel siciliano?). Non ho trovato riscontri o fonti che lo confermino, ma non è da escludere. 

Funeral Parade of Roses non è ricco solo sul piano del significato, ma anche sul piano puramente estetico. Qui alcuni frames per giustificare la mia tesi:





Un capolavoro sottovalutato e completamente dimenticato. Cosa che probabilmente non tutti sanno è che Funeral Parade of Roses è stato principale fonte di ispirazione per uno dei film shock per eccellenza: Arancia Meccanica di Stanley Kubrick. Non ringrazierò mai tanto Occhio Sulle Espressioni per avermi fatto scoprire questo capolavoro!

2 commenti:

  1. Non lo conoscevo e ti ringrazio, sai sempre come stuzzicare la curiosità...
    non sapevo neanche Kubric avesse tratto ispirazione da questo film... che capra che sono... una visione è ormai d'obbligo... :-)

    RispondiElimina

Uno dei motivi per cui tengo in vita questo blog è sentire LE VOSTRE opinioni. Mi piace confrontarmi, quindi commentate. Mi renderete una persona più felice :)