Pagine

venerdì 24 aprile 2015

Finding Vivian Maier


Un paio di giorni fa, frequentando una lezione apparentemente inutile, mi sono ritrovata a fare un'incredibile scoperta: Vivian Maier. Nata nel 1926, Vivian Maier è stata una tata di Chicago, schiva e riservata, che fece  di tutto pur di tener nascosto il suo talento. Un hobby il suo, che la portò anche a frequentare i luoghi peggiori della città statunitense, immortalando volti e scene di vita quotidiana con la sua Rolleiflex. Scoperta solo recentemente (nel 2007) da un giornalista, John Maloof, che ad un'asta si aggiudicò una scatola di negativi per poche centinaia di euro, viene adesso considerata una delle più talentuose esponenti della street-photography del secolo scorso e inventrice del "selfie" per via dei numerosi autoritratti.
Ora, io non sono un'esperta in fotografia, perciò il mio parere conta poco, ma io trovo le sue foto meravigliose. Guardare per credere.








Per scoprirne di più, vi consiglio il film-documentario del 2014, Alla Ricerca di Vivian Maier, completamente basato sulla vita straordinaria (e bizzarra) dell'artista.

5 commenti:

  1. Mi ricorda Emily Dickinson. Ci sono artisti che amano nascondersi. Un saluto, Kate.

    RispondiElimina
  2. La conosco perché tre anni fa feci un corso di fotografia e ce ne parlarono.
    Amo le foto così, urbane e vere.

    Moz-

    RispondiElimina
  3. Ne avevo sentito parlare proprio per il documentario ma non sapevo granché. Belle foto, sincere

    RispondiElimina
  4. Le conoscevo... sono davvero toccanti.

    RispondiElimina
  5. Ciao,
    ho scoperto Vivian Maier grazie allo splendido documentario visto più o meno un anno fa. Davvero un personaggio particolare, e le sue foto sono decisamente interessanti.

    RispondiElimina

Uno dei motivi per cui tengo in vita questo blog è sentire LE VOSTRE opinioni. Mi piace confrontarmi, quindi commentate. Mi renderete una persona più felice :)