Pagine

domenica 19 ottobre 2014

Halloween #1: The creepy side of Youtube


Non so voi, ma io amo tutto ciò che è fortemente inquietante. Amo quella sensazione di smarrimento e di inquietudine che mi pervade dopo aver visto un film horror o dopo aver letto un racconto del terrore; ma se proprio devo essere sincera, è il bizzarro che mi affascina più di qualsiasi altra cosa. Secondo me, il bizzarro, o più precisamente, il grottesco, viene prodotto solo da menti estremamente geniali.
Halloween si avvicina, e quale momento migliore, se non questo, per dare sfogo alle mie tendenze da maniaca dell'horror? Qui vi proporrò alcuni dei video più disturbanti di Youtube, tutti accomunati dal semplice fatto che, a prima vista, sembrano degli show per bambini.

Rejected

Rejected : nonsense = Barbara D'Urso : tv trash. Probabilmente mi odierete per avervi propinato un video del genere, ma, ehy, Rejected, cortometraggio animato diretto da Don Hertzfeldt, ha vinto un Oscar nel 2000. Giusto per intenderci, io Rejected non lo considero disturbante, ma quando l'ho consigliato a qualche amico, mi sono sentita dire che se trovo divertente una roba simile mi manca qualche rotella. Più che divertente, lo trovo incredibile, surreale e pervaso da una buona dose di humour nero, Non lo farei trasmettere su Disney Channel (o forse sì?) ma, ragazzi, Rejected è un cult, perciò fatevi una cultura.

Don't hug me I'm scared & Don't hug me I'm scared 2 - Time


Signore e signori, ecco a voi il disagio. La serie Don't hug me I'm scared sono dei video virali, ovvie parodie di Sesame Street scritti e diretti da Becky Sloan e Joseph Pelling, due registi britannici sui generis, innamorati dei colori e dello psichedelico. Personalmente, apprezzo molto il loro lavoro, e trovo molto interessante la loro collaborazione con i Tame Impala, gruppo rock psichedelico australiano (giudicate voi: Tame Impala: Feels Like We Only Go Backwards ).
Tornando ai due video, è chiaro, soprattutto in Don't hug me I'm scared I, quanto i due artisti vogliano dimostrare che il concetto di creatività non può essere confinato in schemi ben precisi o "limitati": insomma, si può essere creativi anche procurandosi degli organi interni e cospargerli di glitter!


In Don't hug me I'm scared II, la rappresentazione del tempo che passa e che porta irrimediabilmente con sè morte e decomposizione è peggio di un racconto di Poe.

Teddy has an operation

Okay, qui baro un po'. Eh sì, perchè qui si esagera con lo zucchero; altro che horror e halloween: questo video è pieno di significato e di un messaggi positivi, peccato che siano dei messaggi in chiave un po' splatter. Dopo questo video però, guarderete il vostro orsacchiotto con altri occhi.


Buon Halloween!

10 commenti:

  1. Quello dell'orsetto è davvero figo (e dolce).
    Comunque anche io amo il grottesco e il bizzarro... siamo in due^^

    Moz-

    RispondiElimina
  2. Anche il mio preferito è quello dell'orso, ma fa un pochino impressione XD

    RispondiElimina
  3. Sí, esa es la imagen que tenemos de Italia. En realidad, yo veo a los italianos como españoles, pero con trajes caros los hombres, con mucho maquillaje las mujeres, y muy interesados en la religión y la prostitución.

    Esos vídeos son chulísimos!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Estoy feliz los videos te gustan :)

      Elimina
  4. Si parla di inquietudine ed a me non può che venire in mente Salad Fingers...
    Non voglio dirti niente per non rovinarti la visione. Dovrai passare sopra i disegni estremamente approssimativi (brutti da vedere) ma penso siano fatti apposta per rendere il tutto più inquietante... Buona visione.

    https://www.youtube.com/watch?v=wpVTORX_ifk

    RispondiElimina
  5. "Non so voi, ma io amo tutto ciò che è fortemente inquietante. Amo quella sensazione di smarrimento e di inquietudine che mi pervade dopo aver visto un film horror o dopo aver letto un racconto del terrore; "

    Ci siamo capite! :°D
    Anche a me succede un po' la stessa cosa anche se con alcune atmosfere in particolare!
    Da piccola, ad esempio, vidi il cortometraggio di The Sandman di Paul Berry e ne rimasi spaventatissima e affascinata al tempo stesso!

    Un saluto e a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io lo vidi quel corto! Veramente inquietante!

      Elimina

Uno dei motivi per cui tengo in vita questo blog è sentire LE VOSTRE opinioni. Mi piace confrontarmi, quindi commentate. Mi renderete una persona più felice :)